Library of Birmingham -  Mecanoo Architects

Mecanoo: patterns in filigrana metallica su vetro

L’Europa ha un nuovo ‘edificio dei record‘: è la Library of Birmingham, ultimata nei giorni scorsi nella città britannica dallo studio olandese Mecanoo e che può vantare la prima ‘biblioteca pubblica più grande d’Europa‘.

Library of Birmingham - Mecanoo Architects

Library of Birmingham - Mecanoo Architects

Mecanoo Library
Un palazzo strategico in una delle città più giovani d’Europa, con il 25% della popolazione che ha meno di 25 anni, potenziato dalla sua vita universitaria, seconda per rilevanza solo a Londra. La struttura si affaccia su una delle piazze principali di Birmingham, Centenary Square, ponendosi in un interessante gioco di contrasti con gli edifici adiacenti, un teatro degli anni Sessanta e un edificio risalente agli anni Trenta, è stata costruita per sostituire la precedente Biblioteca Centrale, inaugurata nel 1970, contiene lo Shakespeare Memorial Room ed ospita una collezione di 43.000 libri antichi.

Library of Birmingham - Mecanoo Architects

La Biblioteca di Birmingham è un edificio in vetro trasparente con un rivestimento in delicata filigrana metallica che s’ispira alla tradizione artigianale di questa città dal passato industriale. Con le sue molteplici funzioni, l’intero involucro è avvolto in un struttura a patterns di cerchi metallici, audaci e raffinate storie ad incastro del patrimonio industriale: gioielli, persone e conoscenza. I grandi cerchi simboleggiano l’artigianalità della siderurgia, mentre quelli più piccoli fanno riferimento alla tradizione di 200 anni della lavorazione artigianale dell’oro e dell’argento del Jewellery Quarter di Birmingham, unico nel Regno Unito e in tutto il mondo.

Mecanoo Library

La Biblioteca è dotata di sistemi di raccolta delle acque di lavaggio e pompe di calore geotermiche. Anche se l’involucro è un edificio trasparente, l’efficienza energetica è mantenuta attraverso la massa dell’edificio e gli atri che creano un effetto tampone rispetto alla dispersione energetica. I materiali riflettenti all’interno delle facciate e la loro ombra bloccano i raggi del sole durante le prime ore del pomeriggio, tuttavia la residua luce naturale è sufficiente per illuminare interni. Il pianoterra gode dei benefici derivanti dall’isolamento e dall’effetto tampone fornito dal suolo. Il patio circolare della piazza crea uno spazio esterno protetto e introduce una notevole quantità di luce nella struttura. L’edificio comprenderà una strategia di ventilazione naturale e una mista. La facciata risponderà alle condizioni esterne e le aperture permetteranno il deflusso e l’aspirazione di aria fresca.

Mecanoo Library

Library of Birmingham - Mecanoo Architects

L’aggiunta di spazi verdi e componenti paesaggistiche sul tetto valorizzerà ulteriormente i dintorni dell’edificio.

(Fabiana Cambiaso, Università La Sapienza Roma)

www.mecanoo.nl