I PMC: materiali compositi a matrice polimerica

I PMC: materiali compositi a matrice polimerica

Un estratto del lavoro di ricerca finale del  Corso di Nanotecnologie e Materiali Funzionali per il design – prof.ssa Barbara Del Curto / Scuola del Design – Politecnico di Milano, di Arianna Antognazza, Edoardo Pini

I materiali compositi a matrice polimerica (PMC’S) sono, dalla loro nascita, materiale di studio in diversi ambiti. Ai più sono però conosciuti come i materiali utilizzati per la realizzazione di aerei, navicelle spaziali e macchine da corsa. Non essendo materiali usati per applicazioni di largo uso (come i comuni polimeri), pochi conoscono le enormi potenzialità dei materiali compositi a matrice polimerica.

I PMC: materiali compositi a matrice polimerica Nel settore del Design questa classe di materiali trova difficilmente applicazioni, da qui l’esigenza di approfondire la conoscenza verso i PMC’S. I materiali compositi a matrice polimerica sono costituiti da due fasi: una fase dispersa costituita da fibre (in diversi formati) ed una fase continua costituita da una matrice polimerica. Se la prima fase serve a sorreggere sforzi e carichi conferendo resistenza e rigidezza, la seconda permette sia di ripartire equamente i carichi su più direzioni, che a proteggere le fibre da intemperie e agenti corrosivi.

Applicazioni, Aereo

I processi di produzione con cui si lavorano questi particolari compositi avanzati sono svariati e per lo più artigianali. Se l’artigianalità dei processi di produzione, e quindi la non puntuale ripetibilità, e l’alto costo della materia prima (delle fibre in particolare) rappresentano un limite applicativo di questi materiali, in alcuni settori produttivi le caratteristiche uniche dei PMC’S potrebbero essere degnamente valorizzate.

Sfoglia il pdf e continua a leggere la ricerca