aegis hyposurface

Interazione materica, la pelle che cambia

Progettata da deCOi Architets, team di architetti, ingegneri, matematici e programmatori, nasce Aegis Hyposurface, un prototipo di superficie interattiva controllabile.

Costituita da piccole facce triangolari in metallo mosse da pistoni posti sul retro questa superficie viene deformata a partire da impulsi elettromagnetici dettati dall’interazione con il mondo esterno (movimenti, suoni, luci).

aegis_hyposurface_1-460x250 aegis_hyposurface_2-460x300 aegis_hyposurface_4-460x300 aegis_hyposurface_5-460x300

Gli 896 pistoncini che governano i movimenti possono raggiungere una velocità di 60 chilometri orari ed hanno una corsa di 50 centimetri.
Collegata ad una workstation capace di effettuare calcoli in tempo reale, Aegis Hyposurface è in grado di assumere forme, riprodurre semplici disegni in rilievo e dare vita ad animazioni anche (increspature, ondulazioni) su dimensioni a grande scala.

Grazie alle diverse posizioni delle piccole piastrelle in metallo la luce circostante è riflessa in modo sempre diverso, creando una contaminazione dell’ambiente che comprende la superficie stessa.

I due progettisti Mark Goulthorpe e Mark Burry hanno dato vita al primo video dinamico capace di tramutare gli input dell’ambiente in cui si trova in informazioni che vengono elaborate e riproposte sotto forma di movimenti fisici sulla superficie.

www.hyposurface.org