Superstudio-serie-Quaderna-1970-Zanotta-S.p.A_low

Arte e Architettura radicale al PAC – L’opera di Superstudio il collettivo fiorentino d’avanguardia

SUPER SUPERSTUDIO

Inaugurata al PAC lo scorso ottobre resterà sulle scene fino a 06 Gennaio 2016.

In un’epoca in cui tutti si vorrebbero professare radicali è interessante ripercorre al PAC di milano L’opera di Superstudio (1966-1978), il collettivo fiorentino di architettura radicale e radical design che non solo ha influenzato il modo di pensare e progettare di grandi architetti come Zaha Hadid, Rem Koolhaas e Bernard Tschumi, ma ha definitivamente messoin discussione il confine tra arte e architettura, affermandosi come l’ultima grande avanguardia italiana.

 

 

-SUPERSTUDIO-jpg

Curata da Andreas Angelidakis, Vittorio Pizzigoni e Valter Scelsi, l’allestimento ricostruirà i progetti più importanti di Superstudio, riunendo i pezzi di design più iconici, le installazioni e i film e costruendo un dialogo con 19 opere realizzate da altrettanti artisti contemporanei che dalla ricerca del collettivo fiorentino hanno tratto materia per il proprio lavoro.

super-superstudio-arte-e-architettura-radicale-1444461758

 

Ci sono tutti gli ambienti creati tra gli anni Sessanta e Settanta dal gruppo di giovanissimi architetti (Adolfo Natalini, Cristiano Toraldo di Francia, Gian Piero Frassinelli, Roberto e Alessandro Magris ed in seguito Alessandro Poli), c’è il Monumento Continuo, icona assoluta di Superstudio.

OGNI SABATO E DOMENICA

VISITA GUIDATA GRATUITA

Non fai parte di un gruppo ma ti piacerebbe ugualmente una visita guidata alla mostra? Puoi partecipare ad una delle nostre visite guidate gratuite organizzate ogni settimana per i singoli visitatori: spiegata dai nostri esperti la mostra è tutta un’altra cosa!

Tutte i sabati e le domeniche alle ore 17.30 previo acquisto del biglietto mostraSuperstudio-serie-Quaderna-1970-Zanotta-S.p.A_lowDurata: 1 ora circa

Prenotazione non necessaria, è sufficiente arrivare al PAC 10 minuti prima dell’inizio, acquistare il biglietto d’ingresso e segnalare alla guida la propria presenza