eire

EIRE 2014. La ripresa immobiliare parte dagli investimenti imprenditoriali

Un’occasione speciale, la 10a edizione di EIRE (Expo Italia Real Estate, Milano 24-26 giugno 2014), che ha messo in atto processi virtuosi fra tutti gli attori del settore e proposto la ‘rimessa in moto’ del Real Estate italiano – il 15-20% del Pil nazionale – attraverso rigenerazione e riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente, soprattutto privato.

Una rassegna che nell’edizione 2014 ha visto la presenza di oltre 400 operatori del settore e più di 70 convegni e eventi, fra i quali il tavolo istituzionale governo-investitori internazionali con il ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Maurizio Lupi, con l’intento di originare una fitta rete di rapporti tra imprese, associazioni e pubbliche amministrazioni. Un mercato,quello del Real Estate, al momento oscillante, dal quale nonostante tutto emerge una realtà imprenditoriale capace di rischiare e continuare ad investire, sulla scia di una pubblica amministrazione che ci si augura sia in grado di dare segnali incisivi sui territori e garantire quella flessibilità che possa far ripartire un sistema finanziario atto a riavviare investimenti in progetti di più ampio respiro nel panorama dello sviluppo del patrimonio immobiliare nazionale.

Grandi opportunità, quindi, anche perché, a prescindere dai ricchi stranieri che già investono in Italia, oggi le abitazioni che venivano prima acquistate dalla classe media italiana – dai 2-3.000 sino ai 7.000 euro al metro quadro – attirano fortemente le classi medie estere con numeri molto interessanti. Basti pensare all’investitore medio cinese.   In questo contesto, all’interno di GREEN LUXURY DESIGN, installazione itinerante sui valori della cultura e delle tecnologie del made in Italy, a firma a dell’architetto Massimiliano Mandarini, non poteva mancare XILO1934, marchio di Piemonte Parquets, azienda di origine biellese, forte da tre generazioni nel processo di lavorazione del legno, totalmente italiano, e dall’indiscussa vocazione ecologica, che ha primeggiato senza confronti, con Tulipae Maior, il tulipano gigante disegnato da Ronald Van der Hilst. Uno dei decori di design della nuova collezione 1934Design di XILO1934, già segnalata nell’ADI Design Index 2013.

Un’ambientazione mirata a promuovere nuovi modelli del living contemporaneo nel mercato del Luxury Design, dell’abitare le città e i luoghi del tempo libero basato sulle eccellenze del made in Italy, per una nuova espressione di qualità, green e contemporaneità nell’ottica della Smart City. Uno spaccato di vita esportabile da Milano a New York, Dubai, Baku, Rio de Janeiro e in ogni città dove la ricerca dello stile italiano è una priorità. Un format ‘dal concept al prodotto’ che coinvolge le migliori aziende italiane della filiera legno-arredo, fra cui appunto si è distinta senza confronti XILO1934.