OneCentralPark_ev

One Central Park, il giardino verticale più alto del mondo

“Landscape is architecture. So at One Central Park, we have created a kind of continuity between the park and the buildings, so the facades literally extend the park into the sky”.

Jean Nouvel

Si trova a Sidney il più alto giardino verticale del mondo: One Central Park (OCP). Progettato per la Frasers Immobiliare dall’architetto francese vincitore del Premio Pritzker, Jean Nouvel con la collaborazione del botanico Marc Blanc, l’edificio è costituito di due blocchi, uno di 34 piani e uno di 12, che dal punto di vista estetico formano una sorta di continuum con il parco adiacente. One Central Park rappresenta il punto di riferimento del progetto di riqualificazione dell’area Carlton & United Brewery a Sydney.

One Central Park ha già ricevuto una serie di riconoscimenti importanti per l’innovazione e la sostenibilità, tra cui “Best innovative green building” nel corso del 2015 MIPIM Awards a Canne lo scorso marzo, “2014 Best Tall Building in Asia and Australia” e “2014 Best Tall Building in the World” conferiti dal Council for Tall Buildings and Urban Habitat, così come “2014 Leaf Award”.

OneCentralPark_2

I progettisti, entrambi già noti per facciate verdi, hanno realizzato un edificio alto 130 metri in un’area di recente costruzione, nata per accogliere i cittadini in nuove abitazioni di lusso immerse nella tranquillità, le cui facciate sono per il 50% ricoperte di vegetazione. 250 specie di fiori e piante australiane rampicanti sono state collocate nei ripiani orizzontali quasi invisibili e tra le strutture che rendono le pareti adatte alla coltivazione idroponica.

Come ha dichiarato lo stesso Nouvel, lo sviluppo verticale di OCP ha permesso di portare il parco verso il cielo lungo le sue facciate e di renderlo visibile a distanza. Sul lato sud, il parco si sviluppa in una sequenza di lastre piantumate che, posizionate in modo apparentemente casuale formano una vera e propria scultura urbana verde e percorrono le facciate, in modo che ogni appartamento sia dotato non solo di un balcone, ma anche del proprio pezzo di parco. Sui restanti lati invece, il verde percorre in modo continuo le pareti grazie alla vegetazione rampicante e ad un sistema di fioriere, lungo 5 km, che funziona come una serie di mensole che proiettano ombra.

Le pareti vegetali costituiscono un sistema di schermatura solare che riduce il consumo di energia per il raffrescamento fino al 30%, fornendo la necessaria ombreggiatura agli appartamenti nei mesi più caldi, quando le piante sono più rigogliose, e lasciando filtrare i raggi solari nella stagione fredda, quando parte del fogliame viene perso.

Pur essendo di altezza molto diversa, i due blocchi dialogano l’uno con l’altro non solo tramite il linguaggio comune degli spazi verdi verticali ma anche con un gioco continuo di riflessione di luce solare e artificiale che si crea tramite 42 eliostati, specchi motorizzati che seguono la luce solare, che reindirizzano la luce del sole a 320 riflettori posti su un aggetto che sporge dal volume più alto, i quali portano il fascio di luce verso il basso, illuminando aree che altrimenti sarebbero perennemente in ombra per via della presenza degli edifici stessi.

OneCentralPark_3

OneCentralPark_4

OneCentralPark_5

Nell’edificio più alto, destinato ad ospitare le unità abitative, è presente infatti uno sbalzo che funge da terrazza condominiale. Le terrazze inoltre offrono splendide viste panoramiche per i residenti.

OneCentralPark_6

Dopo il tramonto, la struttura diventa una tela per l’installazione d’arte dell’artista francese Yann Kersalé, che usa la luce LED per scolpire nel cielo un gioco di fuochi d’artificio scintillanti.

Una serie di terrazzamenti inoltre collega l’edificio al parco, integrando il paesaggio con l’architettura più moderna. Ad un anno dal completamento della costruzione, One Central Park grazie all’enorme varietà di piante rampicanti ormai floride e rigogliose ha cambiato notevolmente lo skyline di Sydney, conferendo alla città australiana una connotazione sempre più green.

Images courtesy of Frasers Property Australia and Sekisui House Australia. Image © Murray Fredericks

 

Architects: Ateliers Jean Nouvel

Location: LOT 1 Broadway, Central Park, Chippendale NSW 2008, Australia

Design architect: Ateliers Jean Nouvel

Architect of Record: PTW Architects

Green Walls: Patrick Blanc

Project Year: 2014

Photographs: Murray Fredericks, Simon Wood, John Gollings