Email:


Password :






Facebook Login

Vuoi registrarti? clicca qui

Perché dovrei registrarmi e perchè è gratis?
I servizi Syncronia sono gratuiti perché sponsorizzati dai produttori Partners. E ricevere informazioni dalle Aziende - e non pubblicità - resta una tua scelta facoltativa. Registrandoti avrai immediato accesso ai seguenti servizi gratuiti:
  • Creazione di una tua area web in cui pubblicare i tuoi progetti. Le pagine saranno indicizzate sui motori di ricerca per professione e località.
  • Pubblicazione di tuoi annunci per oggetti d'Arte/Design e Immobili
  • Download delle librerie 3D e di tutti gli strumenti utili a progettare

Categorie prodotti e files disponibili

Trends Outdoor Other Design
I progettisti, modelli architettura progetto rendering 3d texture su Syncronia Progetto architettura casa passiva, realizzato da Marcio Tolotti

Casa Passiva

Visualizzazioni: 5384

Progetto concluso

Una casa che si sviluppa in lunghezza, su un piano solo e senza corridoi o disimpegni. Una serie di funzioni disposte in sequenza. Completamente permeabile verso il prato e il bosco. Più chiusa e protetta verso il freddo il nord.
Il progetto di una abitazione uni-famigliare mono piano costruita in legno e la realizzazione di un muro
contro-terra che aiuti a consolidare il terreno di riporto sul confine nord del lotto oltre a regolare il
drenaggio delle acque meteoriche.
Si tratta di un lotto con una orografia vincolante dato che il dislivello, dalla quota di ingresso al confine
verso la valle, supera i 7,50 metri in depressione.
La necessità di proseguire i muri di contenimento è nata dalla instabilità del suolo analizzato. Essendo poi
un terreno argilloso c’è bisogno di asciugarlo per far si che le fondazioni a palo della casa lavorino a dovere
e non possano slittare verso valle, quindi questi muri sono utili anche al drenaggio delle acque meteoriche.
Sui muri di contenimento verrà fatta cresce edera rampicante per ottenere una parte “naturale” e
nascondere completamente il calcestruzzo con cui saranno realizzati. L’edera crescere su rete metallica
applicata con distanziali ai muri sopracitati, questi si rastremeranno ai lati a seguire il pendio e ridurne la
sezione per un minor impatto sia visivo che sui costi di realizzazione.
Per quanto riguarda la casa, osservando l’esposizione del lotto e le sue pendenze è scaturita la possibilità di
sviluppare l’edificio in lunghezza, su un unico piano, che si snoda in tre sezioni diversamente inclinate
rispettose delle quote esistenti del terreno con lievi modificazioni nella parte centrale del lotto. Le tre
sezioni si compenetrano variando la propria larghezza: da quella a nord-ovest che occupa il patio di
ingresso, a quella centrale con cucina, un bagno, una camera e la sala da pranzo, fino alla parte finale a sudest dove si troverà la camera padronale con il bagno di servizio e il salotto rivolti a valle e verso le
alberature.
Caratteristica saliente è la divisione della sagoma in due parti uguali, tagliata in corrispondenza del colmo
coinvolge tutta la lunghezza della casa rilegando verso monte le parti di sevizio e a valle un unico ambiente
che sintetizzerà e fungerà da spazio privato e spazio comune oltre che da volume a “serra”. Le porzioni
vetrate collocate a sud-ovest consentiranno infatti di accogliere calore soprattutto nei mesi invernali più
freddi. Nei mesi estivi l’oscuramento è ottenuto da scorrevoli esterni in assi di larice che completano anche
copertura e gli altri prospetti. L’idea contemporanea di un fienile da abitare.
La residenza, interamente realizzata per la struttura e le finiture in legno lamellare XLAM, consuma meno
di 10 KWh/m2a quindi a basso impatto per l’ambiente sia dal punto di vista del consumo energetico che
delle immissioni nocive dei prodotti di scarto con l’obbiettivo raggiunto di “casa passiva”. L’apporto solare
derivante dalle grandi superficie vetrate rivolte a sud è sufficiente al fabbisogno calorico dell’intero edifico
che con l’ausilio di un sistema di VMC con recuperatore di calore non necessita di alcun tipo di impianto
tradizionale di riscaldamento o raffrescamento.
E’ stato installato un serbatoio di 10000 litri per la raccolta dell’acqua piovana che verrà utilizzata per
irrigare il prato ( lasciato a “pascolo” ) e per l’acqua sanitaria.

Photogallery progetto Casa Passiva

Progetto architettura casa passiva realizzato da Marcio TolottiProgetto architettura casa passiva realizzato da Marcio TolottiProgetto architettura casa passiva realizzato da Marcio TolottiProgetto architettura casa passiva realizzato da Marcio TolottiProgetto architettura casa passiva realizzato da Marcio TolottiProgetto architettura casa passiva realizzato da Marcio Tolotti