"Tracce dal passato"

"Tracce dal passato"
Progetto e allestimento di un salone di bellezza Roma - Rione Sant'eustachio (2011) Beta Studio Architetti Associati capo progetto e direttore dei lavori: arch. Patrizio ROMA progettista: arch. Andrea QUATTROCCHI Nel Rione Sant'Eustachio, alle spalle del Teatro Argentina, un antico mestiere come quello dell'impagliatore "cede la bottega" ad un'altrettanto antica attività artigianale: l'acconciatore. Nasce così l'esigenza di dar nuova vita a quello spazio fermo nel tempo, ormai in stato di decadenza ed abbandono. La sfida è stata proprio quella di progettare totalmente l'ambiente interno tentando di miscelare, in un giusto equilibrio, tracce del passato con un intervento moderno, senza compromettere le caratteristiche d'origine. L'immobile è soggetto a un vincolo diretto di tutela monumentale esteso all'intero corpo di Fabbrica, in quanto esempio di architettura civile del sec. XVIII. Lo spazio interno è stato funzionalmente pensato in due ambienti principali che si susseguono e si interfacciano tra di loro, di superficie simile, posti su quote diverse. E' proprio la differenza di quota, messa ancor più in risalto da una diversa pavimentazione, a evidenziare le attività complementari che vengono svolte all'interno del locale. Nell'ambiente d'ingresso trovano collocazione la reception, una comoda attesa e le postazioni di lavoro. Qui la pavimentazione è in gres porcellanato effetto ebano naturale, un'essenza scura che ben si accosta al soffitto in legno esistente, riuscendo insieme a dare maggior risalto alle pareti ed i soffitti realizzati in cartongesso. Le postazioni di lavoro vengono modulate da tagli continui di luce verticali-orizzontali, dove trovano sistemazione mobiletti di servizio e piani espositivi in ferro antichizzato, disegnati su misura e realizzati artigianalmente. Anche il banco reception è caratterizzato dalla presenza di un volume in ferro "scolpito", sorretto dalla struttura sottostante in muratura; un taglio di luce sottolinea la sovrapposizione dei volumi. Il secondo ambiente accoglie la zona dei lavaggi, il color bar, i servizi igienici ed un piccolo staff-room. La pavimentazione in gres porcellanato effetto cuoio rende l'ambiente "morbido" ed accogliente. Lavaggi di ultima generazione permettono di rilassarsi in assoluta riservatezza, avvolti da una luce cromo terapeutica e da un massaggio shiatsu, mentre si ascolta la musica preferita inserendo il proprio iPod. Attraversando gli ambienti nelle due direzioni, porzioni di controsoffitto lasciate "aperte" consentono di percepire ancora oggi la struttura del soffitto ligneo con le sue travi a vista, esaltata da un sistema di fari direzionali dedicati. Il nuovo controsoffitto, oltre a preservare il soffitto preesistente in legno, diventa un elemento utile per il passaggio degli impianti elettrico, audio e di condizionamento.

Image gallery

Contact the designer

I declare that I have read and accept Syncronia's Terms of Use and Privacy Policy. I therefore give Syncronia permission to publish and use my personal data, as outlined in the aforementioned policy.Privacy information